1923/07/01 – Il passaggio del Circondario di Bobbio alla Provincia di Piacenza colla perdita di 12 Comuni

Untitled document

Da La Trebbia del 1 Luglio 1923

Nel nostro ultimo numero abbiamo accennato al Memoriale presentato in Piacenza all'On. Mussolini diretto ad ottenere l'unione del Circondario di Bobbio alla Provincia di Piacenza.

L'On.Mussolini ha assicurato che si sarebbe occupato sollecitamente della domanda e mantenne la parola.

Infatti il 28 u.s. giunse da Piacenza al Dott. Mario Canepari il seguente telegramma: « Roma comunica giurisdizione Amministrativa così definita; Mandamento Varzi a Pavia, Bobbio, Zavattarello e Ottone a Piacenza meno i cinque Comuni di Gorreto, Rovegno, Fontanigorda, Fascia, Rondanina »

Barbiellini

Parlando del Memoriale nell'ultimo numero, noi dicevamo che essendo Piacenza il centro naturale per la massima parte del Circondario di Bobbio, era da augurarsi che la domanda di aggregazione a Piacenza venisse accolta, salvi però gli attuali confini del Circondario, perchè i Comuni dell'Alta Val Trebbia, uniti a Bobbio mediante il corso della Trebbia, hanno con noi facili e rapidi mezzi di comunicazione e rapporti di interessi religiosi e civili. Dicevamo inoltre che, per la loro ubicazione, dovrebbero essere annessi al Circondario di Bobbio anche i Comuni Piacentini situati lungo la riva della Trebbia e dell'Aveto da Perino in su.

Leave a Reply

Your email address will not be published.