Genova e Bobbio: antichi legami

Dal Settimanale Cattolico di Genova del 5 settembre 2004


UN CONVEGNO SULLE DUE DIOCESI


Genova e Bobbio tra storia e cultura”: un Convegno (3 e 4 settembre) organizzato dall’Accademia Ligure di Scienze e Lettere e dall’Associazione Amici di S. Colombano in occasione di GE-2004.

Nell’anno di Genova capitale europea della cultura, le istituzioni hanno ricordato gli antichi legami tra le due città: risalgono all’Alto Medioevo, ai monaci di San Colombano, alle vie del sale e del pane, e si rafforzano nel secolo XII quando la Diocesi di Bobbio viene a far parte della sede metropolitana di Genova (solo da poco il passaggio al Vescovado di Piacenza).

Hanno organizzato il Convegno Mons. Piero Coletto e l’ing. Peloso Segretario dell’Accademia.

Venerdì 3 settembre alle ore 16 presso l’Accademia Ligure di Scienze e Lettere a Palazzo Ducale, con la presidenza del prof. Mario Pampanin giurista dell’Università di Pavia, si svolge la prima giornata.

Tre gli interventi: Flavio G. Nuvolone (Università di Friburgo) su “Gerberto abate di Bobbio svela i numeri all’imperatore” (Gerberto nell’anno mille diventò Papa Silvestro II): decriptazione di un carme cifrato.

Giuseppe Ligato (Università Cattolica di Milano) sul “Mosaico pavimentale dell’Abbazia di San Colombano in Bobbio”: ipotizza che sia anteriore al XII secolo comparando le scene rappresentate con la storia delle Crociate. Don Paolo Fontana (Archivista Archidiocesi di Genova) su “ I Vescovi genovesi a Bobbio”

Sabato 4, a Bobbio seconda giornata del Convegno (è stato organizzato un pullman). Della suggestiva Valtrebbia, poco prima della cittadina, colpiscono due straordinari panoramo: un orrido dove il fiume scorre come un serpente sinuoso e una chiesetta, la Pieve di Brugnello, arrocata su calanchi.

Nel Palazzo Vescovile, alle 15,30, professori dell’Università di Genova, con la presidenza di G.B. Varnier, tratteranno i seguenti argomenti: Romeo Pavoni “Bobbio e la Liguria nell’Alto Medioevo”, Gabriella Airaldi “Ottone Ghilini vescovo di Bobbio e Arcivescovo di Genova” e Gian Luigi Bruzzone che concluderà con “L’azione pastorale di San Antonio Maria Gianelli”.

Prima della relazione visita guidata ai principali monumenti: il Duomo dalla volta come il cielo, l’Abbazia severa come la scritta all’ingresso: “Terribilis est locus ille”, i Musei e una passeggiata tra le caratteristiche case in pietra del Trebbia dominate dal castello dei Malaspina. Sul tema, il 4 ottobre alle 17, alla Biblioteca Berio un’altra occasione di ricordo verrà presentato “Archivium Bobiense”, rivista degli Archivi Storici Bobiensi.

Nell’occasione parleranno i professori Nuvolone e Pampanin, introdotti dalla professoressa Valeria Polonio (Università di Genova).

Il dr. Giovanni Ferrero (Istituto Internazionale Studi Liguri) presenterà “Sant’Andrea della Porta in Genova e la Cappellania dell’Altar Maggiore del Duomo di Bobbio”


Maria Luisa Bressani

Leave a Reply

Your email address will not be published.